L’incontro di venerdì con Livio Bottani e Riccardo Manzotti

Che cos’è la coscienza? È qualcosa di fisico? E che cos’è la realtà? È qualcosa di esterno, oggettivo, che possiamo davvero conoscere? E come? Dall’antichità a oggi, queste domande perturbanti non hanno smesso di far discutere filosofi e scienziati. Ma le loro risposte si sono sempre basate sul dualismo irriducibile tra mente e realtà, apparenza e mondo fisico, che ha scavato un fossato tra l’uomo e gli oggetti che lo circondano. Il filosofo Riccardo Manzotti difenderà l’originalità e la novità della sua tesi sulla “mente allargata” dalle obiezioni del filosofo Livio Bottani.

Continua a leggere

L’incontro di mercoledì con Francesco Pacifico

Oggi alle 18,30, con Francesco Pacifico, sarà una puntata densa e stuzzicante, visto che affronteremo diversi temi che fanno parte, fin dal principio, della discorsività degli Imperdonabili: l’idea di impegno come marketing, l’impostura dei consumi culturali, i libri come novità e non come eventi capaci di modificare il nostro sguardo su temi già mappati, il rapporto tra carrierismo e arte, tra mainstream e bolla, il favolismo degli intellettuali-affabulatori, che non parlano a un mondo adulto ma a un “pubblico”. La parte stuzzicante è che ne parliamo con uno scrittore che in questo mondo ci lavora, MA NON CI CREDE, si è anche un po’ rotto i coglioni e lo dice.

Continua a leggere
Baricco Uomo Lupo

Baricco, la luna e il dito, un sacco di domande

In una serie di articoli, Baricco sta prendendo le distanze dal pandemic & politically correct. Che stia diventando scomodo? Che possa essere arruolato in una massa critica di imperdonabile dissenso al discorso del potere? O meglio ancora, che l’imperdonabile massa critica del dissenso possa in qualche modo servirsene, davanti a un tracollo che non ammette troppi scrupoli?

Continua a leggere